Domande frequenti

Qui magari trovi qualche risposta alle tue domande, ma ricorda che se hai bisogno siamo pronti personalmente a chiarire ogni tuo dubbio.

Assolutamente nulla. L’iscrizione ad UNIlancer per gli studenti è gratis, e lo sarà per sempre. 

Le aziende pagheranno una piccola somma per pubblicare i progetti. Ma al momento, essendo ancora nella fase beta del progetto, abbiamo deciso di concedere un periodo in cui le aziende possono pubblicare gratuitamente.

Gli Employer dopo aver trovato lo studente ideale e accettato la candidatura, decideranno insieme a lui come effettuare il pagamento. Nei termini e nelle condizioni che vadano bene ad entrambi.

Gli Employer dopo aver trovato lo studente ideale e accettato la candidatura, decideranno insieme a lui come effettuare il pagamento. Nei termini e nelle condizioni che vadano bene ad entrambi.

Gli Employer possono invitare gli UNIlancer a collaborare ai loro progetti.

Per questo motivo consigliamo agli UNIlancer di disattivare il bottone “Disponibile a collaborare” sul proprio profilo durante i periodi di indisponibilità a collaborare.

In questo modo non saranno visibili nella lista degli UNIlancer disponibili e non saranno contattabili dalle aziende.

Per ritornare a collaborare ai progetti è sufficiente attivare lo stesso bottone sul proprio profilo.

No, per iniziare a lavorare su UNIlancer non serve Partita IVA. 

Nel caso in cui però, come indicato dalla legge, si superino i 5000€ annui di fatturato derivante da attività occasionali, si deve ricorrere all’apertura della partita IVA.

Per chiarirti tutti i dubbi riguardo la tua situazione leggi questa guida: Prestazioni occasionali 2018

Se pensi di avere bisogno della partita IVA, ti consigliamo di leggere questo articolo: Aprire una partita IVA

EnglishItalianSpanish